Proverbi e modi di dire

prov

Musei

Storia di Stradella

La grande politica; Depretis e il trasformismo

Il motociclismo e le moto di Stradella; Alpino e Ardito

osto

L'industria della fisarmonica a Stradella

fisarm

La sinistra storica al potere in Italia; Agostino Depretis

La politica economica e finanziaria dei governi della destra storica alternatisi al potere dall'Unità al 1875 aveva generato un profondo malcontento tra i ceti meno abbienti. Il pareggio di bilancio era costato al popolo lacrime e sangue e inevitabilmente costò al governo la perdita del consenso.

Al potere andò uno schieramento composito, guidato dalla sinistra storica, cioè dagli eredi politici di Mazzini e Garibaldi, il cui leader era il primo ministro Agostino Depretis.

Il programma di governo di Depretis, esposto nel discorso di Stradella (vedi), prevedeva:

L'obbligatorietà dell'istruzione elementare

L'estensione del diritto di voto

L'abolizione della tassa sul macinato e una riforma fiscale che introducesse la tassazione progressiva

Nuove politiche sociali in difesa dei ceti meno abbienti e delle classi lavoratrici

Di questo programma il primo punto venne attuato con la Legge Coppino del 1877 che alzò a 3 anni l'obbligo dell'istruzione elementare, ma che rimase largamente inapplicata nelle regioni del sud.

Il secondo punto venne attuato nel 1882 con la riforma elettorale, che stabiliva il diritto di voto per i maschi che avessero compiuto i 21 anni, pagassero almeno 19 lire d'imposta e fossero alfabetizzati; il numero dei votanti passò così da 500 mila a 2 milioni.

Tuttavia il patto sociale tra agrari del Sud e industriali del Nord vanificò gli sforzi d'introdurre serie riforme sociali, instaurando nella politica italiana la pratica deleteria del trasformismo politico che resterà una triste costante fino ai giorni attuali.

PRIMA INDUSTRIALIZZAZIONE

E comunque gli anni del potere della sinistra storica videro un primo decollo industriale del paese, soprattutto nei settori tessile, chimico, siderurgico ed elettrico, con la nascita di industrie storiche come la Montecatini, la Edison e la Terni. 

Dette attività saranno fin d'allora concentrate in quello che verrà chiamato il triangolo industriale: Milano-Torino-Genova.

Gli anni del governo Depretis coincisero con la grande depressione e anche l'agricoltura italiana ne subì le conseguenze negative con un calo della produzione e delle esportazioni, dovuta quest'ultima anche alla guerra doganale con la Francia, che ebbe come conseguenza anche il riavvicinamento dell'Italia all'Austria (stipula della Triplice Alleanza nel 1882.

Conferimento del titolo di Città

stradcit

Dagli archivi di Rinaldo Brambilla

"Stradella Nostra" si propone di far conoscere le tradizioni, la cultura, gli usi di Stradella e di promuovere l'immagine della città nel mondo. Amministratori Luigi Casiraghi e Angelo Fiori. Webmaster Luigi Casiraghi. Privacy: I nominativi pubblicati sul sito sono estratti da pubblici registri on line. In ogni caso, se qualcuno ritenesse violati i principi di privacy o semplicemente non gradisse la pubblicazione dei dati, e avendone titolo, ad esempio per ragioni di parentela,  ne richiedesse la cancellazione, questa verrebbe eseguita subito senza formalità alcuna. La richiesta può essere fatta a questa mail luigi23091951@gmail.com 

webmasterLuigi è webmaster di questi siti no profit: www.unitre-stradella.it www.stradellanostra.it www.motoclub-stradella.it www.proloco-stradella.it www.torre-civica.it www.gatteoclub.it